domenica 27 gennaio 2008

Il vero significato di una cintura nera

L'aikido è un'arte marziale giapponese. Sulle peculiarità di quest'arte ci sarebbe parecchio da dire. Alcuni la criticano per la sua presunta scarsa praticità. Altri si entusiasmano considerandola particolarmente spirituale. Personalmente la considero più che altro un modo per fare un po' di movimento ogni tanto, un po' meno noioso che correre su di un tappetino in palestra come un criceto in gabbia.Nell'aikido, quando si raggiunge la cintura nera, i praticanti indossano l'hakama, ovvero quella specie di gonna-pantalone che fa parte di un certo abbigliamento tradizionale giapponese.


questa, per intenderci.






A volte, parlando con qualcuno, viene fuori che io faccio aikido. Quando mi chiedono se sono cintura nera e io rispondo di sì sembrano molto impressionati. Sembrano molto meno impressionati quando spiego loro che questo significa che indosso la gonna più spesso della maggior parte delle donne che conosco e passo le mie serate avvinghiato a altri uomini con la gonna.

7 commenti:

Mirtillangela ha detto...

Ahahahahha!! Povero Sauron!! Per quanto mi riguarda ho un pessimo rapporto con le arti marziali. Avevo un collega, fissato col
Taekwond,o che in pausa pranzo andava in palestra, si allenava, e quando rientrava tutto galvanizzato, non faceva che prendere a pugni e calci tutti quello che trovava: armadietti, scatoloni, porte, anche muri...

Fed ha detto...

Beh, detta così in effetti non fa molta sensazione, dovresti parlare con un esperto di marketing o un p.r., ti spiegherebbero come presentare sta faccenda della gonna in modo che tutti restino a bocca aperta colmi di ammirazione.
Scemenze a parte: le arti marziali sono uno dei miei grandi amori mai consumati, e ormai sono vecchia per cominciare

sauron era un bravo artigiano ha detto...

Beh, a dire il vero spesso lo faccio apposta a descrivere la cosa in questi termini : non sono una persona particolarmente seria e mi sento un po' imbarazzato quando la gente si mette in testa che io sia chissa che. E' un buon modo per sdrammatizzare la cosa.

@fed : non so esattametne che età tu abbia ma non credo proprio che tu sia troppo vecchia per cominciare. Probabilmente sei troppo vecchia per sperare in una seria carriera agonistica, ma la maggior parte delle arti marziali permette anche di praticare senza quel genre di pressione. Ho visto gente iniziare anche a più di 50 anni!

Se davvero è una tua passione penso ti convenga provare a fare un giro nelle palestre dalle tue parti. Magari certi posti pretendono una dedizione che un adulto che lavora non può offire. Altri magari si concentrano su un target di giovanissimi tra cui chiunque abbia più di 15 anni si sentirebbe a disagio. Ma sono certo che troveresti anche posti accoglienti.

Stefano Romagna ha detto...

Io ho fatto Tae Kwon Do per un pò. Poi purtroppo sono stato costretto a smettere. Mi piaceva moltissimo!

sauron era un bravo artigiano ha detto...

Il taekwondo l'ho sempre trovato splendido da vedere e per un po' ho fantasticato di provarlo ma a dire il vero im ha sempre un po' intimidito dal punto di vista atletico, per quanto si aspetta che il praticante debba essere snodato.

Sai com'è, la mia idea di un calcio alto è prendere l'ascensore fino all'ottavo piano e tirare una pedata alle caviglie di qualcuno :).

Lo so che ci si arriva col tempo, ma a guardare certe cose da fuori mi sentivo un po' scoraggiato.

Prima o poi però voglio provare a prendere almeno qualche lezione di un'arte che insegni a tirare colpi, qualcosa come il taekwondo o il karate.

Fed ha detto...

@Sauron: non ne ho tantissimi, ma sono pur sempre 27 e sarà ardua trovare qualcuno qua intorno che dia lezioni a principianti adulti, ma del resto la speranza è l'ultima a morire no? magari questo we mi faccio un giro per palestre. Grazie per l'incoraggiamento ^__^

sauron era un bravo artigiano ha detto...

In bocca al lupo! Vedrai che, anche se certe palestre sono dirette soprattutto ai giovanissimi, in altre c'è posto anche per chi ha voglia di iniziare da adulto.

(poi, dipende anche dall'arte : per qualche ragione, ad esempio, sembra che judo sia considerata l'arte marziale da bambini per eccellenza)